volchart-BREXIT-ALBA-DEL-GIORNO-DOPO

BREXIT, l'alba del giorno dopo.

Non c'è nessuna road map per le autorità europee di fronte alla prospettiva di una uscita britannica dall'UE, per come è stata inizialmente concepita.

I funzionari di Bruxelles hanno ricevuto disposizioni di non prevedere, e quindi pianificare, dettagliati scenari, onde evitare fughe di notizie allarmistiche. Dati i riflessi i politici e finanziari che circondano da parecchie settimane il referendum britannico sulla permanenza nell'UE, non è ancora chiaro se una strategia dichiarata farebbe bene ai mercati, già sotto tensione dopo le dichiarazione del presidente dell'UE, il polacco Donald Tusk, che sui risvolti politici ed economici si è spinto a dire  che un voto favorevole al Brexit " sarebbe la fine per una politica comune dell' UE ".

Prima dell'alba del 24 giugno, se fosse già chiaro l'esito del voto, i vertici dell'UE, da Berlino a Bruxelles, saranno comunque costretti a limitare i danni, perché si acuirebbero nuovamente gli echi della crisi del debito greco, con una serie di spasmodiche riunioni tra i ministri delle finanze dell'Euro zona. Si assisterebbe a forti oscillazioni della Sterlina, con riunione di emergenza entro la fine del giorno stesso. Interventi aggressivi sarebbero predisposti il più dalla Banca nazionale svizzera e far aumentare, con aumento del rango instabilità globale, a seguito delle reazioni scomposte dei mercati. I mercati valutari, ad oggi, non danno ancora la percezione di aver adeguatamente "prezzato" l'uscita della Gran Bretagna dall' UE, anche se i gestori, ritenendo che ciò sia da ritenersi molto probabile, sono pronti a massicci interventi sui prezzi che tenderanno a formarsi.

#DonaldTusk #BREXIT #BRUXELLES #BERLINO #UE

a cura della redazione Volcharts.com

Borsa e dintorni!

Parlando di socio politica!

Parlando di Borsa!